DdA_scritta_1500x120

 

 

 

 

Prodotti tipici di Agrigento genuini e tradizionali
dalla terra alla tavola…

Salivo  su quella strada sterrata, profumata di erba secca e sole e ogni volta chiedevo a mio padre che odore fosse…rideva.
Anche lui amava quel profumo sin da piccolo e lo cercava ovunque … anche da grande…come me.
Erano i fichidindia? O origano selvatico? Era sulla o lentisco?
Era il profumo dell’olio crudo messo sul pane caldo la mattina…o i ficodindia sbucciati a colazione: si tagliavano le due estremità senza staccarle e sopra di esse si puliva la lama per togliere le spine e  poi si  incideva a metà dall’alto…
Era il profumo della terra, del cibo, delle radici, delle tradizioni, della famiglia.
Era il profumo di mio nonno con il “Bummulo” pieno di acqua fresca che mi dissetava dopo corse nella campagna, era il profumo dolce della salsa che solo la nonna sapeva fare cosi… con i pomodori raccolti dall’orto ogni estate e … preparate le “bottiglie” per l’inverno.
Era il profumo della nonna che ci aspettava vicino la “pila” con il foulard in testa e il viso pieno di sane rughe invecchiate dal sole… era mio nonno seduto sotto l’albero di “garruba” che ci chiamava per riunirci tutti a tavola vicino a lui.
Poi si mangiava tutti insieme, si sfornavano “le guastedde” e il pane con la “giuggiolena” e si affettava caldo il pane “cunzato” che piaceva a mia mamma.
Intorno a quel semplice tavolo, amici miei, c’era il vero cibo, sano, pulito, quel sapore di Sicilia, di passato, di ricordi, di sorrisi, che solo la purezza della terra ci può donare…

Delizie di Agrigento, perché ricordo quella felicità di arrivare in un luogo incontaminato, sano , che ci lascia nel cuore un’emozione  e una purezza che solo i bambini possono capire… ed è proprio per i nostri figli che dobbiamo rincorrere quei tempi e quei valori per renderli veri.
E quei cibi per crescerli sani…